World Challenge Pulpit Series

Gli ultimi giorni dell'America


Indice documenti (italiano) + Iscrizioni + Copyright + Menu Multilingue

di David Wilkerson
18 Giugno 1989
__________

L'America sta morendo! La piaga del paese è incurabile. È nell'ultima fase di una malattia terminale. Il grande impero sta crollando!

Questo paese sta seguendo la scia di tutti gli imperi decaduti. È giunto il tempo di cui Dio ci avvertiva nella Sua Parola - il "periodo del terrore", quando persino le preghiere dei santi non sarebbero più valse. Dio ha detto: "Se un popolo peccasse contro di me commettendo qualche infedeltà, e io stendessi la mia mano contro di lui... e in mezzo a esso si trovassero questi tre uomini: Noè, Daniele e Giobbe, questi non salverebbero che se stessi, per la loro giustizia, dice DIO, il Signore" (Ezechiele 14:13-14).

Dio non ha mai distrutto una società o una nazione senza preavvertirla generosamente. "Poiché il Signore, DIO, non fa nulla senza rivelare il suo segreto ai suoi servi, i profeti" (Amos 3:7). Dio avvertì Abrahamo dell'imminente distruzione di Sodomia: "Il Signore disse: Dovrei forse nascondere ad Abraamo quanto sto per fare?" (Genesi 18:17). Avvertì anche Noè, dicendogli che presto avrebbe distrutto l'umanità per mezzo di un diluvio: "Per fede Noè, divinamente avvertito di cose che non si vedevano ancora, con pio timore..." (Ebrei 11:7).

Dio avvertì Samuele della caduta del ministero di Eli e della distruzione di Scilo: "Allora il Signore disse a Samuele: Ecco, io sto per fare in Israele una cosa tale che chi la udrà ne avrà intronati tutt'e due gli orecchi." (1 Samuele 3:11).

Geremia profetizzò il giudizio su Israele dicendo: "Il Signore me l'ha fatto sapere, e io l'ho saputo; allora tu mi hai mostrato le loro azioni" (Geremia 11:18). Dio rivelò anche a Daniele ciò che sarebbe accaduto: "Allora il segreto fu rivelato a Daniele in una visione notturna" (Daniele 2:19).

In ogni epoca Dio ha comunicato i Suoi avvertimenti al popolo, in modi diversi. Con Mosè parlò faccia a faccia, con Giosuè attraverso un angelo e con i profeti dell'Antico Testamento tramite sogni e visioni. Oggi Dio parla ancora - chiaro e forte.

Si, ci sono falsi profeti: pazzi, immorali, stolti, veggenti auto proclamati, che gridano altresì al giudizio. Ma queste persone sono inviate da Satana per discreditare le vere sentinelle mandate da Dio. Molti pastori americani - o ministri - sono divenuti così ciechi, pigri e peccaminosi, che Dio ha dovuto incitare scrittori secolari per avvertire questa nazione morente! Avete visto le vignette profetiche che sono comparse ultimamente nei nostri quotidiani? Ce n'era una che ritraeva la Statua della Libertà con la testa fra le mani, singhiozzando di vergogna! Un'altra mostrava un dito insanguinato che scriveva profeticamente su un muro: "Anarchia".

Al contrario dei pastori ciechi, questi secolarismi vedono l'agghiacciante realtà che incombe su di noi. A New York City ed in altre aree urbane, dipinti sui muri ritraggono una folla che cammina sui cadaveri! Bulldozer avanzano su montagne di cocaina bianca - e non riescono neanche a scalfirla!

Libro dopo libro, gli esperti finanziari avvertono dell'imminente tracollo economico. Hanno visto l'iscrizione sul muro, e ne sono terrorizzati. Un ben noto consigliere finanziario, ha riscosso in anticipo preparandosi alla peggiore depressione mondiale.

Le profezie di distruzione dell'Antico Testamento erano basate su deduzioni bibliche ben chiare. I profeti erano studiosi della vera Parola di Dio. Essi studiavano la storia. Vedevano il comportamento della società. Essi erano ben a conoscenza della misericordia divina e della sua pazienza. Ed erano in grado di discernere i limiti della pazienza di Dio - cioè, quando ne aveva abbastanza!

Daniele era uno studioso della Parola. Egli capì il motivo della cattività d'Israele in Babilonia leggendo gli scritti dei profeti precedenti. Dalle loro profezie calcolò la fine della cattività, il tempo in cui sarebbe sorto il Messia, quanto avrebbe vissuto e quando sarebbe morto. "Io, Daniele, meditando sui libri, vidi che il numero degli anni di cui il Signore aveva parlato al profeta Geremia" (Daniele 9:2).

Daniele elencò tutte le cose terribili che stavano accadendo al popolo di Dio in quei giorni. E le confrontò con Deuteronomio 28, concludendo: "Su di noi sono riversate le maledizioni e le imprecazioni che sono scritte nella legge di Mosè, servo di Dio, perché noi abbiamo peccato contro di lui. Come sta scritto nella legge di Mosè, questo disastro ci è piombato addosso.." (Daniele 9:11,13-14).

Qualsiasi cristiano pio e timorato di Dio può fare quello che fece Daniele. Carissimi, confrontate le Scritture con quello che sta accadendo davanti agli occhi nostri, e scoprirete senz'ombra di dubbio che l'America è già da adesso sotto la maledizione di Dio a causa della disubbidienza.


Dodici segni della maledizione


Mosè elencò in Deuteronomio 28 tutti i segni della maledizione. Dobbiamo ricordare che questi segni tremendi avverranno, se non diamo ascolto alla voce del Signore, osservando tutti i suoi comandamenti (Deuteronomio 28:15). Elencherò soltanto 12 tremende maledizioni:

1. Una maledizione sulle nostre città: "Sarai maledetto nella città e sarai maledetto nella campagna" (Deuteronomio 28:16). Le città americane sono maledette. Le nostre riviste le hanno definite "Beirut" occidentali o zone di guerra. Il crack le sta dividendo a metà. La città di New York è diventata invivibile. Ogni cinque ore avviene un omicidio, e ogni 20 secondi si commette un crimine. Le nostre città sono sulla via dell'anarchia, e non c'è via d'uscita. Si sta diffondendo persino nelle città più piccole.

2. Una maledizione sulla nostra economia: "Maledetti saranno il tuo paniere e la tua madia" (Deuteronomio 28:17). Questo verso si riferisce a prodotti d'ingrosso nazionale, alle banche e alle riserve. Una maledizione cadrà su tutte queste cose, portando confusione, paura ed incertezza: "Vi toglierò il sostegno del pane" (vedi Levitico 26:26) - il ché ci parla di disoccupazione diffusa.

3. Una maledizione sui mercati futuri: "Maledetto sarà il frutto del tuo seno, il frutto della tua terra; maledetti i parti delle tue vacche e delle tue pecore." (Deuteronomio 28:18). Questa maledizione cadrà sui nostri campi e sul nostro bestiame.

4. Una maledizione sulle nostre trattative estere, che causerà vergogna ed imbarazzo: "Sarai maledetto al tuo entrare e maledetto al tuo uscire. Il Signore manderà contro di te la maledizione, lo spavento e la minaccia in ogni cosa cui metterai mano e che farai, finché tu sia distrutto e tu perisca rapidamente, a causa della malvagità delle tue azioni per la quale mi avrai abbandonato" (Deuteronomio 28:19-20). La politica estera degli Stati Uniti oggi è un disastro completo! I nostri negoziatori tornano a casa confusi - imbrogliati dalla Russia, presi in giro dalla Cina. Siamo svergognati agli occhi di tutto il mondo.

5. Piaghe di malattie incurabili: "Il Signore farà sì che la peste si attaccherà a te, finché essa ti abbia consumato nel paese nel quale stai per entrare per prenderne possesso. Il Signore ti colpirà di deperimento, di febbre, di infiammazione, di arsura, di aridità, di carbonchio e di ruggine, che ti perseguiteranno finché tu sia perito." (Deuteronomio 28:21,22). "Il Signore ti colpirà con l'ulcera d'Egitto, con emorroidi, con la rogna e con la tigna, da cui non potrai guarire. Il Signore ti colpirà di follia, di cecità e di confusione mentale" (Deuteronomio 28:27,28). "Il Signore ti colpirà sulle ginocchia e sulle cosce con un'ulcera maligna, dalla quale non potrai guarire; ti colpirà dalle piante dei piedi alla sommità del capo" (Deuteronomio 28:35). Il marchio dell'AIDS è un'ulcera maligna - una malattia incurabile.

6. L'avanzamento del deserto e vaste aree di siccità: "Al posto della pioggia il Signore manderà, sul tuo paese, sabbia e polvere che cadranno su di te dal cielo, finché tu sia distrutto" (Deuteronomio 28:24). Questa è opera di Dio. Tutto questo è mandato dal cielo!

7. Nemici insignificanti batteranno i nostri eserciti: "Il Signore ti farà sconfiggere dai tuoi nemici.... i tuoi cadaveri saranno pasto di tutti gli uccelli del cielo e delle bestie della terra" (Deuteronomio 28:25,26). Pensate alla strage in Corea. O alle nostre truppe in ritirata dal Vietnam o dal Libano. O alla minuscola Panama che imbraccia un cannone sulla nostra testa.

8. Un'epidemia di divorzi: "Ti fidanzerai con una donna e un altro si coricherà con lei; costruirai una casa, ma non vi abiterai; pianterai una vigna e non ne godrai il frutto" (Deuteronomio 28:30).

9. Un'ondata di fallimenti: "Il tuo bue sarà ammazzato sotto i tuoi occhi e tu non ne mangerai; il tuo asino sarà portato via in tua presenza e non ti sarà reso; le tue pecore saranno date ai tuoi nemici e non vi sarà chi ti soccorra." (Deuteronomio 28:31). Questo verso descrive un'antica usanza orientale, secondo la quale il creditore prendeva tutto dal debitore. Il verso preannuncia l'ondata di fallimento che cadrà su questa nazione maledetta.

10. La perdita di un'intera generazione di giovani: "I tuoi figli e le tue figlie saranno dati in balia di un altro popolo; i tuoi occhi lo vedranno e ti si consumeranno per il continuo rimpianto e la tua mano sarà senza forza" (Deuteronomio 28:32). Oggi una nazione di adulti, riforniti con ogni sorta di denaro e potere, inorridiscono per un'intera popolazione di giovani che viene inghiottita dalla droga e dalla violenza. Questo verso è un avvertimento profetico riguardante la disperazione che cadrà sui genitori di una nazione maledetta: "Genererai figli e figlie, ma non saranno tuoi, perché andranno in schiavitù" (Deuteronomio 28:41).

11. La prosperità di altre nazioni a nostre spese: "Lo straniero che sarà in mezzo a te salirà sempre più in alto al di sopra di te e tu scenderai sempre più in basso" (Deuteronomio 28:43). Osea descrive la cecità di un popolo maledetto: "Gli stranieri divorano la sua forza, ed egli non ci pensa; capelli bianchi gli appaiono qua e là sul capo, ed egli non se ne accorge" (Osea 7:9). Qualsiasi raccolto, qualsiasi frutto, "gli stranieri lo divorano" (Osea 8:7).

12. Diventerà una nazione che chiede in prestito piuttosto che creditrice: "Egli presterà a te, e tu non presterai a lui; egli sarà alla testa e tu in coda" (Deuteronomio 28:44). Negli ultimi cinque anni siamo diventati la nazione con il maggiore debito del mondo. In questo momento siamo in coda - e il Giappone è in testa. Non possiamo neanche dar fondo ai nostri risparmi e agli istituti di credito. Considerate che ci vogliono 150 miliardi di dollari per salvare il nostro sistema bancario - e poi ditemi se l'America non è maledetta! Ne stiamo ora sperimentando la piena furia!


Ninive era la New York di quei tempi


Ninive era la capitale di un impero potente. Al vertice della sua potenza e della sua prosperità, Dio fece sorgere profeti per avvertirli degli imminenti giudizi. Dio stesso descrisse Ninive come "quella grande città... (la cui) malvagità è giunta fino a me" (Giona 1:2). Nahum la definì: "la città sanguinaria... piena di menzogne e ruberie" (Nahum 3:1).

Ninive, come la città di New York, era divisa in quattro sezioni minori o cittadelle. Si estendeva per 30 miglia di circonferenza ed era protetta da un muro alto 50 metri. Il muro era largo abbastanza da poter permettere a tre carri di corrervi sopra contemporaneamente, ed aveva 1.500 torri - ognuna delle quali era alta 125 metri.

Ai giorni di Giona, Ninive contava 120.000 bambini sotto i sette anni, perciò la popolazione totale doveva essere di più di 600.000 individui. Ai tempi di Nahum, aveva un enorme esercito, potente ed invincibile. Cavalli da guerra facevano parate nelle sue città. Ninive era una grande città mercantile, un centro commerciale mondiale. I tre quarti del mondo allora conosciuto dipendevano dal suo potere e dal suo commercio.

Dopo la predicazione di Giona, Ninive si pentì - ma questo pentimento fu breve. Presto essa ritornò alle sue vie malvagie, e Dio fu presto dimenticato. La malvagità e l'immoralità della città furono esportate in tutto il mondo, e Ninive e l'impero Assiro iniziarono il loro spargimento di sangue. Perciò Dio si arrabbiò.

Lo Spirito di Dio scese sul profeta Nahum, che dichiarò: "Dio è geloso... ed è furioso; il Signore farà vendetta" (Nahum 1:2). Nahum vide quella società malvagia - ebbra di piacere, di successo e di prosperità, piena d'orgoglio, di cupidigia e di violenza, un popolo amante del furto e dello spargimento di sangue - e gridò: "Guai a Ninive! Dio riverserà di nuovo i suoi giudizi!"

La profezia di Nahum giunse quarant'anni dopo che Giona era stato inviato a proclamare il giudizio sulla città. Dio era stato "lento all'ira" e paziente, nonostante la loro malvagità e la loro indifferenza. Si era ricordato del breve pentimento dei loro padri in seguito alla predicazione di Giona.


Nahum basò la sua profezia di distruzione
sulla Parola rivelata da Dio


La profezia di Nahum fu più di un sogno o una visione. Come Daniele ed altri profeti, Nahum era studioso della Parola. Aveva studiato la storia dei rapporti di Dio con la società nel passato, ed in particolare con la grande città di No-Amon (Tebe d'Egitto).

No-Amon fu la capitale dell'impero egiziano fra la 18esima e la 20esima dinastia. Da tutto il mondo vi portavano tesori. Era la città dei Faraoni. Sulle sue strade facevano bella mostra di sé, magnifici templi pagani. Geremia profetizzò contro l'idolatria della città: "Ecco, io punirò la moltitudine di No, il Faraone e l'Egitto, insieme ai loro dei" (Geremia 46:25). Anche Ezechiele profetizzò che Dio avrebbe "eseguito i suoi giudizi su No.. ed... avrebbe spazzato la moltitudine di No" (Ezechiele 30:14,15).

No-Amon era stata una città impenetrabile, protetta da ogni lato, "che stava seduta tra i fiumi, circondata dalle acque, che aveva il mare per baluardo, il mare per mura" (Nahum 3:8). La città era molto prospera ed aveva acquisito il potere anche di nazioni satelliti. "L'Etiopia e l'Egitto erano la sua forza... Put e i Libici erano i suoi alleati" (Nahum 3:9). No-Amon aveva all'incirca la grandezza e la popolazione di Ninive quando fu distrutta dal giudizio divino. Con i suoi palazzi, la sua arte raffinata, i suoi arredamenti esotici, le ceramiche ed i bei vestiti, No-Amon era l'invidia di tutte le nazioni. Vantava un enorme esercito ed un gran deposito di armi.

Il mondo pensava che No fosse una città invincibile. Credevano che sarebbe vissuta per sempre. "Eppure, anch'essa (No) è stata deportata, è andata in esilio; anche i suoi bambini sono stati sfracellati a ogni angolo di strada; i suoi nobili sono stati estratti a sorte e tutti i suoi grandi sono stati messi in catene" (Nahum 3:10). Nahum profetizzò queste cose in base ai rapporti storici di Dio con le società malvagie del passato. "Sei forse migliore di No-Amon?" (Nahum 3:8). In altre parole: "Cosa ti fa credere che Dio giudicherà tutti gli altri, lasciando impunito proprio te?"

Dio ha ogni diritto per porre oggi la stessa domanda all'America. Qual è la differenza fra l'America e la malvagia Sodoma? Siamo forse migliori della generazione di Noè? O della generazione di Lot? Siamo forse migliori del popolo malvagio di No-Amon? Siamo più meritevoli di Ninive, che Dio cancellò dalla faccia della terra? Considerando tutte le dimostrazioni precedenti dell'ira divina, perché dovrebbe risparmiarci, visto che commettiamo azioni sette volte peggiori di quei popoli malvagi?

L'avvertimento di Nahum è valido anche per noi: "Tu pure sarai ubriacata e andrai a nasconderti" (Nahum 3:11). L'America è ebbra di cupidigia, droga, violenza, sesso immorale - ed è intossicata dal successo e dalla prosperità. "Andrai a nasconderti"; vuol dire che questo paese diventerà impotente, ridotto a niente, incapace di agire o risolvere problemi. I nostri nemici mortali piomberanno su di noi. La società crollerà sotto il peso di problemi irrisolvibili.

Fino ad ora, l'America ha traballato, cercando inutilmente di risolvere i propri problemi. Comunque è sopravvissuta. Ma ora, tutti i nostri problemi sembrano accelerare. Il sistema ospedaliero nelle nostre città è diventato impraticabile: drogati sgattaiolano fuori dalle loro stanze, in cerca di crack, e poi ritornano a letto. Molti spacciano cocaina nelle stanze d'ospedale - persino nel pronto soccorso. Dottori ed infermieri vengono picchiati ed uccisi. Non c'è cura, nessuna soluzione possibile!

Le nostre prigioni sono sovraffollate, per cui si devono rilasciare molti criminali. Stiamo costruendo altre prigioni, per tamponare il sovraffollamento. I nostri istituti penali sono case d'orrore, di violenza e di omicidio. Anche per questo non c'è soluzione, nessun cambiamento in vista.

Le nostre corti non riescono più a smaltire i processi. Molti giudici hanno avvertito: "Siamo sull'orlo dell'anarchia. Non riusciamo neanche a processare le miriadi di criminali".

Le nostre scuole sono la vergogna del mondo. Gli edifici scolastici sono in decadimento; gli insegnanti vivono nel terrore. Le scuole sono diventate un inferno in miniatura, dove i ragazzi si trovano di fronte a pistole, coltelli, droga, violenza e sesso promiscuo. Le scuole sono prive di ogni moralità.

Il nostro sistema previdenziale è nel caos totale. Lo Stato di New York ha definito questa città "un pozzo senza fondo". I costi sono già fuori ogni controllo.

Nessuno nel governo statunitense, nel Congresso, nella Borsa o nella Banca Centrale ci sa dire cosa sta avvenendo alla nostra economia. Vanno oltre le nostre capacità. Nessuno sa cosa tiene ancora unito il sistema.


È stato posto un termine a questo tremendo giudizio


"Da te è uscito colui che ha tramato il male contro il Signore, che ha premeditato scelleratezze" (Nahum 1:11). Dio deve sfogare la sua ira quando una nazione cessa di ignorarlo e comincia a premeditare contro di Lui.

Quest'empio che complotta contro Dio - che promulga leggi, da cattivi consigli, premedita il male contro il Signore - è il consenso, la mente nazionale, espressa dai suoi giudici, dalle corti e dal governo. Quest'empio che è sorto fra di noi è rappresentato dalla Corte Suprema, dalle corti federali, dai giudici d'ogni livello. Queste persone sono diventate malvagi consiglieri, che premeditano guerra contro Dio. E le loro mani sono sporche di sangue!

Odiano Dio perché proteggono i baby-assassini ed i diritti ateistici. Hanno voltato le spalle a Dio, ingiungendoli di reagire alla loro ribellione sfrontata. Questo piccolo manipolo di consiglieri malvagi, ha posto il proprio cuore contro Dio. Hanno dichiarato guerra, e Dio non potrà più mantenere la Sua furia.

Non mi importa di quello che fa la Corte Suprema; comunque, vedete, Dio la farà diventare una corte di stolti. "Ora spezzerò il suo giogo di dosso a te e romperò le tue catene" (Nahum 1:13). Questi malvagi consiglieri cadranno in giudizio. Dio ha promesso di confonderli e di far diventare le loro facce bianche di paura.

Nahum si chiedeva: "Chi può resistere davanti alla sua indignazione? Chi può sopportare l'ardore della sua ira?" (Nahum 1:6). Quando l'ira di Dio è sul paese, quando l'indignazione della rabbia divina imperversa, quale giudice potrà rimanere ribelle? Quale corte potrà resistere? Dio li scioglierà con ogni terrore, colpirà i loro cuori con la confusione. Saranno impotenti davanti al diluvio, e grideranno: "Che succede? Sta crollando tutto!"


Dio infligge quattro giudizi specifici su una nazione in via di decadimento


Come Ninive, l'America ha una ferita incurabile. Se non un miracolo di misericordia, non c'è più guarigione per noi, ma solo giudizio (vedi Nahum 3:19). Questi giudizi appariranno e si accelereranno fino a diventare un diluvio insormontabile (Nahum 1:18).

1. Ci saranno un'infinità di cadaveri. Il primo giudizio sarà un "ammucchiamento di cadaveri". Nahum 3:3 dice: "I feriti abbondano, si ammucchiano i cadaveri, sono infiniti i morti, si inciampa nei cadaveri."

Nahum vide qualcosa che a quei tempi sembrava incredibile. Ninive era molto confortevole nella sua prosperità. Le sue strade brulicavano di negozi e mercanti - il solito commercio. Ma il profeta vide una spada che si faceva spazio in quelle stradine affollate. Vide ovunque cadaveri, una moltitudine di morti, e gente che vi inciampava sopra. Quando verrà il giudizio, aspettatevi di vedere morti e cadaveri in gran numero.

Nella mia mente è stampata una scena terribile: quella dell'ex presidente Reagan e di sua moglie che piangevano davanti ad oltre 250 caschi di soldati morti in Libano. Ancora riesco a vederli davanti a dei caschi vuoti - quelli dei cinque astronauti morti nello spazio. Vedo anche il presidente Bush, in piedi di fronte a 35 caschi - quelli di marinai uccisi da un'esplosione navale. In America è tempo di bare! Da oggi in poi ci saranno così tanti cadaveri che l'America ne sarà immune - rimarrà impassibile davanti ai corpi. Un giorno vedremo morti di consunzione sulle strade d'America. Già ci sono vittime d'AIDS che languono per le strade, non avendo un posto ove morire!

Questa storia è apparsa di recente nei notiziari. Una madre quattordicenne ha gettato il figlio appena nato da una finestra del quarto piano. Il corpicino del bimbo è stato ritrovato dopo quattro giorni. La gente pensava si trattasse di una bambola.

Un'altra storia ugualmente agghiacciante è quella di un bambino di tre giorni, ritrovato sulla Nona Strada avvolto in un sacchetto di plastica - un altro delle centinaia di cadaveri abbandonati scoperti in città.

Ma forse la storia più sconvolgente apparsa di recente è stata quella del minuscolo corpicino di una bambina, messa in una valigia e bruciata. La storia riportava: "La bambina era stata violentata ed abbandonata ancora in vita, ma adottata ed amata dalla morte. Aveva appena tre anni, ed è stata bruciata viva in una valigia, sotto una pila di spazzatura nel vestibolo di un appartamento".

"Il corpo doveva essere seppellito a Potters' Field, ma i vigili del fuoco che l'hanno ritrovata sono rimasti così sconvolti da quello che hanno visto, che hanno cercato di 'restituire a questa bambina un po' di dignità nella morte, visto che probabilmente non ne aveva avuta molta in vita'... Tutta la compagnia dei vigili ha atteso fuori la chiesa mentre alcuni di essi con cura trasportavano la piccola bara bianca fra le braccia, deponendola nella chiesa".

Potete quasi udire il gemito tremendo: "Venite, voi tutte imprese funebri! Venite, voi tutti che lavorate in questo settore, il vostro lavoro è appena cominciato!" Non ci sarà fine ai cadaveri!

Che tipo di cecità spirituale ci è venuta addosso, se vediamo questi giudizi ma ancora i nostri predicatori gridano: "Pace! Prosperità!" A loro non importa? Tutto questo non significa niente per loro?

2. Perdita di scopo nazionale: "Mostrerò alle nazioni la tua nudità, ai regni la tua vergogna" (Nahum 3:5). Il secondo giudizio che vedremo sarà che le nazioni che prima ci temevano e ci invidiavano, scopriranno presto che siamo diventati deboli. "Ecco il tuo popolo, in mezzo a te, sono solo donne" (Nahum 3:13). In altre parole: "Siete diventati molli ed effeminati con tutto il vostro lusso. Non avete volontà né risoluzione".

Tutti gli imperi decadenti diventano molli ed effeminati, incapaci di battersi per uno scopo vero. Da Sodoma a Babilonia, gli imperi in via di decadimento sono divenuti ebbri, pigri, immuni ad ogni avvertimento. Come Belsasar, il re di Babilonia che vide la scritta sul muro, finiscono col chiamare a corte i profeti - dicendo che hanno capito l'antifona, e che sanno che è tutto vero. Ma poi ritornano ai loro festini (vedi Daniele 5).

"Le porte del tuo paese sono spalancate davanti ai tuoi nemici" (Nahum 3:13). I signori della droga in Cambogia, Colombia, Messico e Pakistan se la ridono dei nostri controlli doganali. Dio ha spezzato le nostre mura. Castro ha introdotto centinaia di prigionieri e di spie nel nostro paese.

Grazie a Dio per i molti buoni - e persino pii - stranieri che ho incontrato. Ma per ogni buono, ce ne sono dieci cattivi, compresi ladri e rapitori. In molti paesi gli spacciatori di droga sono gli unici che riescono ad introdurre i soldi in America. Il profeta ha detto che verrà una spada per uccidere e distruggere.

3. Un battesimo di spazzatura: "Ti getterò addosso delle immondizie, ti umilierò, e ti esporrò allo scherno" (Nahum 3:6). Il nostro terzo giudizio, come Ninive, è che diventeremo la vergogna e la disgrazia del mondo. Il resto del mondo arrossirà per la nostra malvagità. Una volta ho accompagnato dei turisti polacchi e sovietici in giro per le strade di New York. Mentre camminavamo nella 42esima strada, li vidi piangere. Alla fine, un uomo d'affari polacco mi ha detto: "Sto camminando nell'inferno! Per favore, portami via da qui!"

"Tale sarà la città festante, che se ne sta sicura e dice in cuor suo: Io, e nessun altro all'infuori di me! Come mai è diventata un deserto, un covo per le bestie? Chiunque le passerà vicino fischierà e agiterà la mano" (Sofonia 2:15). Israele era diventata così malvagia che persino i pagani, "le figlie dei Filistei... si vergognano della tua condotta" (Ezechiele 16:47).

Mosè avvertì Israele che il peccato avrebbe condotto qualsiasi nazione "alla desolazione: ed i vostri nemici ne saranno stupiti" (Levitico 26:32).

L'America sta ora sperimentando questo battesimo soprannaturale di immondizia. Il profeta ritrae l'immagine di un Dio così furioso, così pieno di vendetta, da gettare fango o sporcizia su questa nazione corrotta. Stiamo letteralmente affondando nella pornografia; è diventato ormai un giro d'affari multimiliardario. Dieci anni fa la maggior parte era importata. Ma oggi gli Stati Uniti sono i maggiori esportatori di spazzatura di tutto il mondo.

Con i suoi show televisivi ed i suoi film, la nostra nazione ha sviluppato un appetito per la perversione ed il sadomasochismo. Persino le soap opera sono piene di fornicazione ed omosessualità. La TV è diventata un diluvio a ciel sereno d'immondizia.

Dio sta facendo all'America quello che fece ad Israele nel deserto: "Ne mangerete non per un giorno, non per due giorni, non per cinque giorni, non per dieci giorni, non per venti giorni, ma per un mese intero, finché vi esca dalle narici e ne proviate nausea" (Numeri 11:19-20).

Gli Stati Uniti d'America sono conosciuti come "la nazione dove tutto è permesso!" Virtualmente, non si sono limitazioni. Giovani di 11 o 12 anni diventano rapinatori. Ragazze rimangono incinta a 12 anni - e poi abortiscono! La nostra nazione fa la prostituta mentre guarda il fucile dell'AIDS e ride: "Chi ha paura dell'AIDS?" La settimana scorsa un attore ha confessato che 12 dei suoi amici migliori sono morti d'AIDS. Ma lui non ha intenzione di cambiare!

4. Una depressione massiccia da cui non ci sarà via d'uscita. A molti non piace sentire l'avvento di un collasso economico. La parola "depressione" terrorizza gli americani. Ma che ci crediate o no, non solo stiamo per affrontare un'altra recessione, di gran lunga superiore a quelle viste finora. Stiamo per attraversare l'ultima gran depressione!

È avvenuto ad ogni società ed impero passato. Credete non avvenga anche a noi? A motivo dell'infedeltà di Israele, il Signore disse a quella nazione: "Tu hai moltiplicato i tuoi mercanti, pi˙ delle stelle del cielo; sono come le cavallette che spogliano ogni cosa e volano via" (Nahum 3:16).

In questa profezia, il profeta Nahum stava avvertendo la città di un nemico insidioso che sarebbe venuto a distruggere la sua economia. Ninive esportava opere di vetro, fibre, tappeti, sculture d'avorio, oggetti d'arte di ogni tipo, gemme, argento, oro e spezie. I suoi mercanti viaggiavano in tutto il mondo. Ma in questo tempo si era aperta una breccia, ed i nemici vi si erano infiltrati, gettandosi sulle spoglie e poi erano scappati.

State sicuri che non sarà lontano il giorno in cui il Giappone, Taiwan, la Corea e la Germania si prenderanno i loro soldi dagli Stati Uniti e se ne scapperanno! "Tutti quelli che ti vedranno fuggiranno lontano da te, e diranno: Ninive è distrutta! Chi la compiangerà? Dove ti cercherò dei consolatori?" (Nahum 3:7). "Tutti quelli che udranno parlare di te batteranno le mani per la tua sorte; su chi infatti non è passata la tua malvagità senza fine?" (Nahum 3:19).

Un giorno molto vicino, il Giappone smetterà di comprare i nostri fondi monetari - così come le altre nazioni. Non potremo finanziare il nostro debito massiccio. "Il Signore ha fatto di te la gioia del nemico" (Lamentazioni 2:17).

Anche il mercato dell'edilizia crollerà. Sofonia avvertì Ninive: "La devastazione sarà sulle soglie" (Sofonia 2:14). Le soglie rappresentano le abitazioni. Profetizzò di edifici vuoti e di uccelli che vi entravano da finestre scardinate. "Si udranno canti di uccelli dalle finestre" (verso 14).

Persino oggi a Dallas, Houston e Denver vediamo grattacieli vuoti: "Chiunque le passerà vicino fischierà e agiterà la mano" (Sofonia 1:16). Enormi edifici, come le Torri Trump and Zeckendorf Towers di New York City rappresentano la competizione, l'orgoglio e la cupidigia della società americana. Verrà il giorno in cui molte di queste torri rimarranno come giganti vuoti, lapidi decadenti, piene senza tetto.


Quando ci verrà addosso tutto questo?


Nahum disse di Ninive: "Quanto a te, il Signore ha dato quest'ordine" (Nahum 1:14). Credo che Dio abbia già dato ordine di mandare ad effetto tutti questi giudizi profetizzati. È già tutto messo in moto. La parola che continuo a percepire nello spirito è "accelerazione". Il fuoco è stato acceso - e presto diverrà sempre più caldo ed intenso da deturpare tutta la nostra società.

Che ne sarà del popolo di Dio? Cosa dovremo affrontare? Ancora una volta, la Parola di Dio ci spiega ciò che il Signore ha dichiarato e compiuto nel passato.

Nelle desolazioni passate, Dio non ha sempre liberato il suo popolo? Cerchiamo nelle Scritture: Noè e la sua famiglia sfuggirono al diluvio. Furono preservati? Sì! Daniele ed i ragazzi ebrei sopravvissero alla fornace di fuoco e alla fossa dei leoni? Sì! Lot e quelli che diedero ascolto agli avvertimenti di Dio, perirono? No!

Gesù non avvertì gli ebrei delle imminenti incursioni nemiche? Disse loro: "Quando vedrete Gerusalemme circondata da eserciti, allora sappiate che la sua devastazione è vicina. Allora quelli che sono in Giudea, fuggano sui monti " (Luca 21:20-21). E Gerusalemme fu distrutta mentre gli ubbidienti scamparono - ricordandosi degli avvertimenti del Signore.

Persino la malvagia Ninive, per amore di un uomo giusto, ricevette da Dio questo messaggio glorioso: "Il Signore è buono; è un rifugio nel giorno dell'angoscia e conosce quelli che confidano in lui" (Nahum 1:7). Chi ha ascoltato ed ubbidito è sempre stato salvato!

La sua fortezza è una roccaforte sicura: "In te, o Signore, io mi rifugio... Sii la mia forte rocca, una difesa per me. Perché sei la mia rocca e la mia fortezza" (Salmo 31:1-3).

Ecco il segreto per stare al sicuro: "Nelle tue mani rimetto il mio spirito: tu mi hai redento, o Signore Dio di verità... Tu conosci l'anima mia nelle avversità; non mi hai lasciato nelle mani del nemico; tu hai posto i miei piedi sulla roccia" (Salmo 31:5,7,8).

Preparati adesso ai giudizi imminenti - fonda il tuo cuore sulla Roccia, che assicura il rifugio ai suoi. Arrenditi anima e corpo al nostro misericordioso Signore.

Non so come Dio intenda salvare il Suo popolo in questi tempi d'afflizione, ma so che per Lui niente è impossibile. Lui è la nostra arca di sicurezza, perciò non dobbiamo avere paura, né dobbiamo nasconderci. Anche se dovessimo lasciare questo mondo, saremo istantaneamente liberati da un mondo che va in perdizione.

Chiamatemi uccello del malaugurio - definitemi privo di patriottismo - chiamatemi come vi piace. Ma sono pronto per essere cittadino di un'altra città - la Nuova Gerusalemme, che viene dall'alto. Dobbiamo aspettare una città il cui fondatore e costruttore è Dio.

Infine, anche Gesù predisse un giorno avvenire - così tremendo, che i cuori degli uomini sarebbero venuti meno dalla paura. Ma poi disse: "Guardate in alto e gioite, perché la vostra redenzione si avvicina".

---
Permesso per l'uso concesso da World Challenge, P.O. Box 260, Lindale, TX 75771 USA.

 


Tradotto in Italiano da Susanna Giovannini - Formattato HTML da Renato Giliberti

Tutte le citazioni sono tratte da "La Sacra Bibbia Nuova Riveduta"
Copyright (c) 1994, Società Biblica di Ginevra / CH-1211 Ginevra


Indice documenti (italiano) + Iscrizioni + Copyright + Menu Multilingue

Informazioni sulla Chiesa di Times Square | Informazioni per i Nuovi Lettori


COPYRIGHT/LIMITAZIONI DELLA RIPRODUZIONE:

Questo file di dati è proprietà di World Challenge. Non può essere in alcun modo alterato od editato. Può essere riprodotto solo interamente per farlo circolare come "freeware", senza ricarichi. Tutte le riproduzioni di questo file devono contenere l'avviso del copyright [es., "Copyright (C)1989 by World Challenge"]. Questo documento non può essere usato per la rivendita o l'ampliamento di ogni altro prodotto senza il permesso di World Challenge. Questo comprende tutto il contenuto con l'eccezione di poche brevi citazioni. Per favore citate la seguente fonte: Copyright (C)1989 by World Challenge, Lindale, Texas, USA.

Questo materiale è da considerarsi unicamente per uso personale e non per essere pubblicato in altre pagine web. "The Lorain County Free-Net Chapel" detiene i diritti esclusivi da World Challenge per pubblicare questi messaggi nelle sue pagine web. Potete scaricare, copiare, stampare e ditribuire questo materiale, così come non potete pubblicarlo in altri siti Internet. È comunque possibile effettuare dei collegamenti ai messaggi di questo sito.


Questo sito è un servizio di
The Missing Link, Inc.®
Unire Giovani e Adulti in difficoltà con Programmi che Cambiano la Vita
Web site - http://misslink.org
Chapel Site - http://misslink.org/chapel2.html
World Challenge Pulpit Series di David Wilkerson - Pagina Multilingue
http://www.tscpulpitseries.org


Copyright © 1999 - The Lorain County Free-Net Chapel
North Central Ohio, U.S.A.

INIZIO PAGINA


Il nostro webmaster necessita dei tuoi commenti e suggerimenti
per il buon funzionamento di questo sito web.
Per favore comunicaci se qualcosa non funziona correttamente
(anche se non sei sicuro) o non lo sapremo mai!
Data ultimo aggiornamento: 4 Febbraio 2001.

Perché Tarda il Risveglio/ "Aiuto!"/ Cosa c'è Qui/ Sponsor/ Dichiarazione di Fede/ Studi Biblici/ Intorno al Piano/ Bacheca/ Libreria/ Pulpit Series/ Cappella